Fidget spinner giocattolo o antistress?

Da tempo si sente parlare di spinner tra i più giovani, un giocattolo che segue il principio della trottola. 

Il corpo flessibile è composto da tre parti che ruotano con un colpo di dita mentre il perno centrale è un cuscinetto che si tiene fermo con pollice e indice. La rotazione è stimolata da un tocco e continua senza sosta.

L’oggetto è stato inventato nel 1993, ma allora nessuno diete importanza alla potenzialità di vendita del giocattolo. Solo nel 2017, è riuscito a prendere piede, grazie al grande fenomeno virale di internet, il basso prezzo sul mercato (5 euro) che lo rende accessibile a tutte le tasche e dalla grandezza di distribuzione che lo rende facilmente reperibile.

Lavorando a scuola ho provato a chiedere ad i bambini delle elementari ed i ragazzi delle medie a cosa servisse lo spinner ed è emerso unanime l’idea che sia un giocattolo anti stress (le mie interviste non sono standardizzate e da considerare parte consistente per una statistica) questo mi ha lasciato riflettere sul fatto che ogni intervistato avesse in mente associato per lo spinner il concetto di stress! Quindi ho iniziato ad osservare ed ho notato che spesso viene utilizzato in particolari momenti: quando si conversa con i compagni, si ascolta una lezione, in attività che richiedono una certa dose di attenzione oppure in circostanze cariche di emozioni come eventi dove bisogna esprimere opinioni, oppure si è schiacciati da noia o rabbia; 

Curioso il fatto che, nonostante l’utilizzo massiccio dello spinner questo non è mai utilizzato con il fine ultimo di “gioco” ma sempre associato ad un’altra attività, questo utilizzo strumentale mi ha ricordato molto l’utilizzo che gli adulti fanno della sigaretta.

Non trovate la somiglianza?

Un gesto che occupa le mani e che tiene occupata la mente, un compagno che allievia lo stress quando si vivono emozioni forti, vergogna, imbarazzo, agitazione, rabbia, rappresenterebbe in questo modo lo strumento per calmare l’emozione che si vive nel momento.

La mia curiosità mi ha spinto a chiedere anche a molti genitori e insegnanti il parere sullo spinner e se molti di loro non hanno nessuna opinione su di esso oppure non lo considerano dannoso, altri lo demonizzano come uno strumento nocivo che può dannegiare la salute.

A mio parere è un fenomeno sociale, una moda, di cui non preoccuparsi, come negli anni 90 lo fu lo yo-yo, ovviamente si deve utilizzare nel modo corretto, ovvero non deve essere ingerito, fatto ruotare sulla faccia o utilizzato in un modo scorretto come ogni altra cosa, anzi mi trovo favorevole nel tornare ad utilizzare oggetti che utilizzano la manualità e la semplicità per attirare attenzione dei giovani.

E comunque realmente se antistress o meno ai più giovani non importa!
Dott.ssa Ilaria Pavoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...