La relazione genitori-figlio, come determinerà il suo senso del sè

Ancora una volta voglio parlare del tema dell’attaccamento con i caregiver (figure di accudimento primarie del bambino), perché è importante ricordare quanto i genitori siano fondamentali per la costruzione del sè del proprio bambino. Le ricerche illuminanti di Bowlby sul tema hanno messo in luce l’importanza della vicinanza del caregiver non solo fisica ma anche affettiva e cognitiva con il bambino. Un altro autore illuminante è sicuramente Popper, il quale ha messo l’accento sull’importanza del genitore nel definire il sè del proprio figlio a partire dal modo in cui lo tratta e lo fa sentire; l’effetto specchio (Popper e Eccles) o principio del looking-glass self, viene spiegato così dagli autori:

“Così come impariamo a riconoscere noi stessi in uno specchio, il bambino diventa consapevole di se stesso vedendo il suo riflesso nello specchio costituito dalla coscienza che le altre persone hanno di lui”

Questo principio è utile per spiegare come l’identità individuale si crei in base ad un processo di autoconoscenza che avviene in relazione agli altri!

Il bambino prima di un anno ( permanenza dell’oggetto –Piaget) non ha questa capacità di autopercepirsi e quindi non potrà far fede sulle sue osservazioni, ma solo sull’atteggiamento dei suoi genitori, al modo in cui si relazionano con lui ed esprimono le loro emozioni. In altre parole se il bambino elabora in base agli altri la propria autoimmagine, questo significa che questa lo orienterà e guiderà nella costruzione del proprio sè. Quindi l’attaccamento è fondamentale non solo perché da le basi della propria identità al bambino, ma perché aiuta a mantenere stabile quella identità personale nel tempo utile nel riconoscersi nel mondo e nelle relazioni future.

Sicuramente risulta riduttivo parlare di attaccamento in questa sede, perché è qualcosa di molto complesso che considera diverse variabili oltre alla vicinanza, anche gli aspetti empatici e cognitivi della relazione.

E’ comunque utile conoscere alcuni aspetti, per esempio, verso i due anni e mezzo di età, il bambino inizia a mantenere un senso di sè indipendente dagli altri e questo viene definito come organizzazione centrale di attaccamento; in questo momento di vita il bambino imparerà ad interagire con i genitori e a vicinarsi ed allontanarsi mantenendo costanza e stabilità nel modo di porsi. A questa età vengono definite le categorie di attaccamento: sicuro, evitante e ambivalente. La prima categoria (sicuro -B) è quella in cui il bambino sperimenta la capacità di relazionarsi con i genitori senza problemi, ed è capace di leggere sia segnali cognitivi che affettivi. La categoria (evitante – A), il bambino ha imparato a stabilire la vicinanza con i genitori controllando l’ambiente, quindi sarà un bambino che fa leva sui suoi mezzi cognitivi, sarà un piccolo che evita il contatto emotivo e non riesce a leggere l’attaccamento come affettività, sarà abile nel predire il rifiuto, sperimentando un forte senso di indipendenza. La categoria (ambiguo – C), il bambino, per sentirsi sicuro dovrà mantenere la vicinanza prossemica con i genitori, la vicinanza deve essere mantenuta a tutti i costi, questo tipo di attaccamento, prevede un forte investimento sulle risorse affettive.

È importante comunque uscire dalla rigidità categoriale e vedere l’attaccamento come un continuum che si articola da sicuro a disequilibrato.

N.B Il bambino che accetta la separazione dai genitori e riesce a cavarsela da solo non è certo un bambino che non prova attaccamento, ma anzi è un bambino che ha un buon attaccamento è che riuscito nel tempo ad avere una buona elaborazione interna dell’immagine dei genitori, potendo restare vincolato psicologicamente a loro pur non sperimentando angoscia nella loro lontananza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...